logo
  • Savenko Tatjana 23 anni

    Traumi cranico

    Questa ragazza Tedesca Tatjana subì nel 2006 un infortunio alla testa a causa di un grave incidente automobilistico. Questa ragazza matura che nell'infanzia e nell'adolescenza si era completamente sviluppata normale, tornò in vita a seguito di un incidente in coma, la sua condizione era grave e in pericolo di vita. Subì un sanguinamento ripetuto nel cervello che si è evoluto nel idrocefalo post-traumatico. Ripetutamente si é sottoposta ad interventi chirurgici, senza successo, il coma é durato più di un anno. Non reagiva al suo ambiente, alla stimolazione motoria non rispondeva con nessun movimento attivo degli arti. La sua prognosi era molto grave ed i medici non davano alcuna possibilità di miglioramento. Il coma persisteva. A quel punto, i genitori decidono per la consultazione con i medici del nostro centro e successivamente decidono di iniziare il trattamento di complessi di amminoacidi. I complessi di amminoacidi vengono somministrati per 11 mesi, con le pause tra i singoli cicli. Tatjana durante i primi tre mesi dall'inizio della somministrazione si sveglia dal coma, inizia a muovere gli arti e comincia a sedersi. Dopo sei mesi di somministrazione comincia a parlare ed è quindi in grado autonomamente senza l'aiuto di nessuno di mangiare e bere. Dopo otto mesi di somministrazione di amminoacidi riprende a camminare. La sua condizione migliora in continuo. Presso la clinica tedesca dove lei è stata curata, il suo sviluppo viene guardato come il "miracolo". Attualmente, i problemi di Tatjana persistono – non é sicura nell´ andatura ed ha problemi di memoria. Ma si é integrata nella vita sociale, ha rinnovato i contatti con gli amici, e svolge quasi tutte le sue attivitá normalmente come ad esempio fare le lunghe conversazioni telefoniche, scrivere al computer e comunicare. Ha ripristinato le sue caratteristiche della personalità propia ed è novamente molto arguta e si occupa di cucina. Attualmente le sue condizioni migliorano continuamente, nonostante persistono i problemi di memoria e di incertezza nel camminare, si prepara a tornare al lavoro. La sua prognosi è molto favorevole e ha la possibilità di essere in grado di condurre una vita normale, senza traumi.